Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


 

 

logo

 

USI antimilitarista

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home Appuntamenti Modena Presidio antifascista
Presidio antifascista

A Modena il 14 gennaio. Appuntamento alle ore 12.00 presso la sede USI-AIT di Modena in via del Tirassegno 7 quartiere Sacca.


ANTIFASCISMO ANTIAUTORITARIO NELLA TERRA DEI RIBELLI

 

Come Spazio Sociale Libera e sezione modenese dell'USI-AIT esprimiamo proccupazione e disappunto riguardo l'imminente apertura a Modena del circolo neofascista “terra dei padri”, la cui inaugurazione è prevista per sabato 14 gennaio 2017.

 

Questo circolo, che si definisce uno spazio culturale e apartitico, sarà in realtà una vera e propria sede unitaria dell'estrema destra modenese.

 

Un luogo che, se riuscisse ad aprire, riuscirebbe a riunire soggetti che fanno riferimento a Forza Nuova, Casapound, Hammerskins e altre realtà neofasciste e neonaziste.

 

L'intento dei neofascisti è chiaro: inaugurare una sede in città sotto copertura, mascherata come circolo “culturale” e di fatto difficilmente individuabile, dove nei fatti troveranno spazio la propaganda nazionalista, razzista, sessista, omofoba e antisindacalista che da sempre caratterizza le ideologie fasciste.

 

Una propaganda che ci è ostile e nemica: il movimento anarchico è ed è sempre stato profondamente antifascista ed antiautoritario: gli anarchici fin dal 1920 si opposero al nascente fascismo aderendo agli Arditi del Popolo e attentando per 4 volte alla vita del duce, combatterono nelle brigate partigiane e continuarono a contrastare i neofascisti anche dopo la “Liberazione”, fino ai giorni nostri.

 

L'Unione Sindacale Italiana fu l'unico sindacato sciolto con la forza dal fascismo, mentre gli altri si arrendevano al nascente regime.

 

La sede modenese dell'USI venne distrutta dai fascisti nel 1923 e non ci venne mai restituita dalle successive amministrazioni come patrimonio storico.

 

Oggi come allora siamo profondamente legati ai valori antifascisti, antiautoritari ed antigerarchici, e saremo quindi attivamente presenti e partecipi nelle iniziative per contrastare l'apertura di questo circolo e la dilagante diffusione dell'attività neofascista nella nostra città, in sinergia con la Rete Emilia Antifascista.

 

NESSUNO SPAZIO, NESSUNA AGIBILITA' AI NEOFASCISTI!

 

Spazio sociale Libera (MO) USI-AIT sez.Modena


condividi
 

Scarica l'app dell'AGENDA ROSSONERA 2017

http://www.agendarossonera.org/

copertina

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe