Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


 

 

logo

 

USI antimilitarista

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home Appuntamenti Nazionale
Nazionale
La libertà di sciopero è in pericolo

SIAMO PESANTEMENTE SOTTO ATTACCO DA PARTE DEL GOVERNO



Non contento di toglierci le nostre principali conquiste e della sottrazione dei diritti fondamentali nel campo lavorativo il Governo ci sta attaccando pesantemente su quello che rimane del diritto di sciopero.

Il Ministro dei Trasporti Del Rio, dopo una comunicazione in cui “consigliava” limitazioni nel settore per quel che riguardava lo sciopero del 27 ottobre, per i disagi che provocava, ha agito d’imperio, scavalcando le stesse normative, con una circolava che impone la riduzione dello sciopero da 8 a 4 ore, dettando anche gli orari:

- Trasporto Aereo dalle 10,00 alle ore 14,00

- Trasporto Ferroviario e Marittimo dalle 9,00 alle ore 13,00

- Trasporto Pubblico Locale dalle 9,00 alle 13,00


Nello stesso tempo la Commissione di Garanzia sta facendo pressione verso alcuni settori lavorativi, nella regione Lombardia e Veneto, prendendo a pretesto il Referendum consultivo della Lega Nord.

E’ evidente che il Governo in carica sta marciando diritto verso la sterilizzazione definitiva del diritto di sciopero.

Proprio per questo nella giornata dello Sciopero Generale del 27 ottobre si deve elevare, più forte che mai, la protesta dei lavoratori e lavoratrici.

Basta soprusi!

 
Una scelta coerente, una scelta di classe

E’ ormai palese da molto tempo che le forze padronali in stretta alleanza con i vari governi e la sostanziale condivisione dei sindacati confederali (Cgil, Cisl, Uil), foglia dopo foglia, ci stanno rapidamente spogliando di tutte le principali conquiste ottenute dalle lotte del movimento dei lavoratori e lavoratrici, fino alla sterilizzazione di ogni forma di protesta. Ai padroni piace vincere facile!

Leggi tutto...
 
27 OTTOBRE

Sciopero generale del sindacalismo di base. La lotta torna in piazza.

 

Dal telegranna di indizione dello sciopero del prossimo 27 ottobre:

Oggetto: proclamazione sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati.

La Confederazione Unitaria di Base, CUB - il Sindacato Generale di Base, SGB - il Sindacato Intercategoriale COBAS, SI COBAS l’Unione Sindacale Italiana, USI-AIT, il Sindacato Lavoratori Autorganizzati Intercategoriale, SLAI Cobas

Proclamano lo sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati per l’intera giornata del 27 ottobre 2017 compreso il primo turno montante per i turnisti.

Per i ferrovieri lo sciopero è dichiarato dalle 21 del 26 ottobre alle 21 del 27 ottobre 2017.

MOTIVAZIONI DELLO SCIOPERO:

Leggi tutto...
 
Trenta più trenta uguale 60!

30 ore settimanali, 30 anni di contributi: 60 anni come limite dell'età pensionabile.

E’ questa la, storica, rivendicazione che USI-AIT promuove da diversi anni e che ripropone, con forza, anche in occasione dello sciopero generale del 27 ottobre prossimo.


Agli scettici, a coloro nei quali tale obiettivo suscita ilarità o scherno ricordiamo che, analogo atteggiamento, fu utilizzato (dai padroni e dagli Stati) in occasione delle “tre otto” (otto ore di lavoro, otto di svago e otto di riposo) lanciato alla metà dell’ottocento da milioni di lavoratori in tutto il mondo e culminato (nel 1886) nell’eccidio di Hymarket Square a Chicago e alla, conseguente, condanna a morte di 8 lavoratori anarchici.

Leggi tutto...
 
Sciopero generale 27 Ottobre

APPELLO AI MOVIMENTI, LAVORATORI, PENSIONATI, STUDENTI, DISOCCUPATI PRECARI E A QUANTI SUBISCONO LA CRISI E VOGLIONO REAGIRE: ASSEMBLEA NAZIONALE A MILANO IL 23 SETTEMBRE PER COSTRUIRE LO SCIOPERO GENERALE

 

Cub, SGB, SI Cobas, Usi-AIT, Slai Cobas hanno indetto lo sciopero generale per il 27 ottobre per contrastare e respingere l’attacco portato dal governo e dai padroni contro i lavoratori, i ceti popolari e i pensionati e per :

– Abolire le disuguaglianze salariali, sociali, economiche, di genere e quelle nei confronti degli immigrati.
– Forti aumenti salariali, riduzione generalizzata dell’orario di lavoro e investimenti pubblici per ambiente e territorio.
– Pensione a 60 anni o con 35 anni di contributi. Abolire la legge Fornero
– Fermare le privatizzazioni e le liberalizzazioni.
– Garantire il diritto universale alla salute, all’abitare, alla scuola, alla mobilità pubblica e tutele reali di reddito per i disoccupati.
– Difendere il diritto di sciopero con l’abolizione delle leggi che lo vincolano.
– Rigettare l’accordo truffa del 10 gennaio 2014 sulla rappresentanza.
– Contrastare ogni tipo di guerra e le spese militari.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 8

Scarica l'app dell'AGENDA ROSSONERA 2017

http://www.agendarossonera.org/

copertina

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe