Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


 

 

logo

 

USI antimilitarista

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home Appuntamenti
Appuntamenti
Monfalcone: Amianto una storia operaia

amianto-fibre

USI-AIT e Coordinamento Libertario Isontino

in collaborazione con l’Associazione Esposti Amianto organizzano:

la presentazione del libro di Alberto Prunetti

amianto una storia operaia

 

lunedì 24 giugno ore 20.30

sede ANPI Monfalcone

Leggi tutto...
 
CONTRO LA DEVASTAZIONE AMBIENTALE E LA MACELLERIA SOCIALE

PARTENZA CORTEO NO-TAVmediopadana

8 GIUGNO ORE 10.30

A MANCASALE-ENTE FIERA (Reggio Emilia)

 

L'otto giugno verrà inaugurata la stazione Medio Padana del TAV a Reggio Emilia. Questa gigantesca opera si inserisce nel quadro generale della costruzione di linee ad alta velocità in Italia. Le linee ad alta velocità si sono date, oramai da un ventennio, come metodo per drenare fondi pubblici ai fini del guadagno privato. È infatti gigantesco il sistema economico che ruota intorno alla messa in opera di queste linee: una rete economica e di potere trasversale, che unisce le così dette Coop rosse (CMC, CoopSette) legate al PD alla galassia gravitante intorno alla Compagnia delle Opere di CL ad altri grandi potentati italiani, FIAT e Finmeccanica in testa. Un'opera che svela la vera struttura e il vero significato del Partito Unico che è al governo da qualche mese, ma i cui esponenti hanno nei fatti agito in sinergia già da un quindicennio: rafforzare i meccanismi di accumulazione capitalista, spogliare progressivamente le casse pubbliche ai danni delle fasce deboli della popolazione e a favore della classe dominante.

Leggi tutto...
 
USI in festa

 

giugn0013

 

 

Leggi tutto...
 
Appesi a un filo

 

appesifilo

Sabato 25 maggio 2013 ore 17,00

Via Podesti 14/b

seguiranno cena a sottoscrizione vegan e non e canti anarchici

Leggi tutto...
 
Resoconto dell'incontro tra lavoratori a Milano

                                                  Un Incontro al Presidio del San Raffaele

Come era stato preannunciato si è svolto nel pomeriggio di sabato 4 l’Incontro Pubblico tra varie realtà lavorative sotto il tendone del Presidio Permanente del San Raffaele che ormai dura ininterrottamente da molti mesi. I compagni di Modena e della Fiat hanno portato la testimonianza della Assemblea Operaia, di cui fanno parte, che raggruppa lavoratori di varie realtà (la Fiat, la Ferrari, i facchini della logistica, ecc.) che si riuniscono periodicamente nella sede dei compagni di “Libera Officina”. Una realtà che si è data una propria “carta d’intenti” e che si organizza autonomamente senza condizionamenti di sindacati o di gruppi politici. Ha la funzione di supportare le lotte che avvengono nel territorio, ragionando assieme come superare gli ostacoli che s’incontrano all’interno delle proprie situazioni. Francesco ha portato la propria testimonianza, assieme a quella di un altro lavoratore, vittime di licenziamenti politici che, anche quando incontrano la sentenza di un giudice favorevole, come nel suo caso, l’azienda impone la sua regola di non integrare.

Ne è uscito un confronto tra diversità e analogie di strategie padronali come quelle della Fiat di Marchionne e di Rotelli, padrone del San Raffaele, una bella gara a chi è il peggiore, con la stessa caratteristica di passare come un carro armato sopra tutte le regole pur di imporre la propria supremazia.

I delegati e delegate presenti del San Raffaele hanno messo in evidenza la grande maturazione dimostrate, in modo sorprendente, da parte degli stessi lavoratori e lavoratrici che, nel momento di grande difficoltà, come quella dei primi licenziamenti, hanno manifestato apertamente la loro ribellione di fronte ad un padrone che toglieva anche il diritto a mobilitarsi. Con l’azione diretta hanno supplito alla negazione del riconoscimento della rappresentanza sindacale da parte aziendale. Di fronte all’azione degli apparati polizieschi che impedivano l’accesso agli uffici dell’accettazione con i propri corpi operavano lo sfondamento di quei cordoni, mettendo in difficoltà le stesse forze del cosiddetto ordine. Tutto questo mentre Cgil, Cisl e Uil diventavano un corpo estraneo, neanche preso in considerazione se non per esprimere rabbia per le posizioni assunte.

E’ stata anche messa in evidenza la solidarietà del settore, attraverso il “coordinamento lavoratori della sanità” fino a proclamare uno sciopero regionale per il 4 maggio unitariamente da tutti i sindacati di base presenti, con una piattaforma i cui punti essenziali sono il sostegno solidale al San Raffaele e l’obbiettivo di unificazione di tutti i contratti del settore.

Un lavoratore dell’Italtel ha fatto presente la deriva dell’azienda in cui i sindacati confederali tengono sotto controllo i lavoratori attraverso l’uso continuato della cassa integrazione e della mobilità. Un ex delegato dalla Marcegaglia, da poco in pensione, ha portato la propria testimonianza di una vita di lotte e della sua attuale esperienza a sostegno solidale verso i lavoratori delle aziende con cui è in contatto.

L’ombra delle nuove regole repressive che Cgil, Cisl e Uil stanno concordando con i padroni fanno intravvedere un futuro in cui sarà vietato fare sciopero per chiunque, una volta che la “loro maggioranza” avrà ratificato un accordo. Questa triste realtà che sta avanzando ha aperto fra i presenti degli interrogativi tra chi ipotizza l’impossibilità di organizzare forme di lotta e chi ci vede un futuro, per i lavoratori, di necessaria estrema ribellione.

 
<< Inizio < Prec. 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Succ. > Fine >>

Pagina 29 di 33

Scarica l'app dell'AGENDA ROSSONERA 2017

http://www.agendarossonera.org/

copertina

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe