Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


  DeliverUnion


 

 

logo

 

USI antimilitarista

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home Notizie Accordo "porcata": c'è chi dice NO!
Accordo "porcata": c'è chi dice NO!
Scritto da Administrator   
Mercoledì 24 Giugno 2015 20:31

L’USI-AIT ribadisce il proprio NO al testo unico sulla rappresentanza.

 

L’Unione Sindacale Italiana è un sindacato d’azione diretta, assembleare, orizzontale e federalista.


In questi anni i lavoratori e le lavoratrici che aderiscono alla nostra Organizzazione, se lo ritenevano momentaneamente necessario, hanno potuto decidere di partecipare alle RSU, con la consapevolezza però che la RSU, come è stata concepita, può essere un alimentatore di delega, perciò da usare come uno strumento utile in un momento e una situazione data.


La nostra via maestra è quella della pratica assembleare dove i lavoratori e le lavoratrici decidono direttamente del loro destino.


Mai nel modo più assoluto potremmo firmare accordi come il “testo unico sulla rappresentanza”, del 10 gennaio 2014, contratto stipulato tra confindustria ed i sindacati di stato: cgil, cisl e uil, a cui si sono accodati Conf. COBAS, ORSA e USB. Sottoscrivere quell’accordo significa affossare definitivamente il sindacalismo conflittuale, rinunciando a scioperare contro quei famigerati accordi che Cgil, Cisl e Uil sono soliti firmare.
Mai nel modo più assoluto potremmo scendere sul piano della concertazione o del corporativismo.
La libertà di sciopero e lo sciopero generale come strumento di lotta sono per noi ancora strumenti fondamentali.
Non abbiamo funzionari o burocrati e gli eletti al congresso vivono del proprio lavoro, siamo lavoratori e lavoratrici tra lavoratori e lavoratrici.

Mai nel modo più assoluto saremo disposti a svendere la nostra storia anarcosindacalista per elemosinare una partecipazione ad una RSU solo fittizia. A cosa serve l’acquisizione di diritti sindacali in cambio della nostra sottomissione? Se sarà necessario i diritti sindacali ce li conquisteremo con la lotta.

Ci teniamo soprattutto ad affermare che l’adesione a quell’accordo trasforma l’organizzazione sindacale in un accessorio aziendale e sociale, prospettiva che da sempre combattiamo e alla quale mai aderiremo.


22-6-2015

Segreteria Nazionale USI-AIT
Commissione Esecutiva USI-AIT


condividi
Ultimo aggiornamento Mercoledì 24 Giugno 2015 20:45
 

Scarica l'app dell'AGENDA ROSSONERA 2017

http://www.agendarossonera.org/

copertina

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe