Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


 

Solidarietà Autogestita

ldc131

 


 

 

logo

 

USI antimilitarista

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home Sanità Ospedale San Raffaele - Milano Agitazioni al San Raffaele in corso, sciopero di solidarietà e di difesa del SSN

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Agitazioni al San Raffaele in corso, sciopero di solidarietà e di difesa del SSN

licenziamopadronisanpaolo

Questa mattina l'assemblea generale dei lavoratori del San Raffaele, preso atto della manifesta volontà dell'amministrazione della proprietà di procedere con 40 licenziamenti degli annunciati 244 licenziamenti, si è immediatamente trasformata in corteo e in assemblea permanente di lotta originando una serie di agitazioni miranti al blocco amministrativo, sanitario ordinario, e dei pagamenti. Si segnalano presidi di lotta e blocchi all'interno e intorno al perimetro dell'ospedale.

 

LA SEGRETERIA USI SANITA' OSPEDALE SAN PAOLO - SEGRETERIA PROVINCIALE USI SANITA'

 

intervista su radioblackout ad un compagno USI del san raffaele


 17.04.2013

Anche nel pomeriggio del 16 aprile c'è stata una carica della polizia contro i lavoratori del San Raffaele che per protesta avevano rioccupato la sala della "accettazione", luogo sensibile per l'azienda dove entrano i soldi delle prestazioni, causando un altro ferito che si aggiunge a quelli del mattino.

I 13 lavoratori del San Raffaele saliti sul tetto dell'ospedale per protesta dopo l'arrivo delle prime lettere delle 244 preannunciate sono scesi nella tarda serata di martedì 16 dopo la comunicazione della disponibilità della regione all'incontro per le trattative con le rappresentanze sindacali presso la sede del prefetto, pronti a riprendere l'iniziativa di lotta se tale impegno non sarà rispettato.

Questa mattina, 17 aprile, era stato impedito, dal capo-responsabile, ad una lavoratrice, alla quale era stato comunicato il licenziamento a voce (non aveva ricevuto ancora la lettera) di entrare al proprio posto di lavoro. Una delegazione composta da dipendenti e delegati si è incaricata di accompagnarla forzando il "blocco". La polizia, sempre presente in questi giorni, dopo aver tentato di opporsi, a preferito non alimentare un altro scontro. La lavoratrice giunta al suo posto di lavoro con la scorta dei colleghi è stata accolta da un caloroso applauso.

Sono state messe in atto delle performance di protesta disegnando nel cortile dell'entrata nei padiglioni, delle sagome a terra di lavoratrici e lavoratori tinteggiate con "pomodori".

Sui giornali di oggi è stata messa molto in evidenza la notizia dell'impegno della regione alla trattativa con i rappresentanti sindacali, uno degli obbiettivi raggiunti dalle mobilitazioni di questi giorni.

La lotta continua. 

 


 

Comunicato 16.04.2013

Stamattina la polizia ha caricato  il presidio che le lavoratrici e i lavoratori  del San Raffaele avevano organizzato davanti all’accettazione dell’ospedale a seguito dell’invio delle prime 40 lettere  delle 244 di licenziamento che erano  partite già dalla giornata di ieri. 
La Federazione Nazionale USI- AIT sanità  esprime la piena solidarietà ai lavoratori, colpiti dai  licenziamenti e dalla repressione violenta messa in atto sia dalla proprietà che dalla polizia.

Come  Federazione  nazionale USI sanità inoltre esprimiamo la più incondizionata solidarietà ed appoggio ai lavoratori feriti durante le cariche ed a tutti coloro che attualmente sono saliti nuovamente sul tetto, rei di essersi opposti alla vergognosa politica messa in atto dalla Regione . La stessa Regione indagata per malaffare, tangenti, sprechi e finanziamenti ai partiti, le cui conseguenze  vengono fatte ricadere sui lavoratori. 

Per la segreteria nazionale USI – AIT sanità

Lusi Corrado


I lavoratori della sezione USI sanità di careggi e dei COBAS careggi appresa la notizia di quanto avvenuto nella mattina di oggi esprimono la loro più totale solidarietà ai lavoratori dell'ospedale San Raffaele colpiti dai licenziamenti e dalla repressione sia della proprietà che della polizia. Solidarietà incondizionata ai lavoratori feriti durante gli scontri che ai colleghi saliti sul tetto in difesa del loro posto di lavoro.

Per l'USI sanità Careggi Corrado Lusi
Per COBAS sanità Careggi Francesca Romano

 


 

A nome dei lavoratori dell'USI Sanità dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Trieste, dell'ASS n. 1 triestina e dell'ASS n. 2 goriziana esprimo la nostra più totale solidarietà ai lavoratori dell'Ospedale San Raffaele di Milano.

Solidarietà ai lavoratori licenziati, a quelli picchiati dai mercenari della "nuova Proprietà" e a quelli saliti sul tetto per difendere il posto di lavoro.

Per la Segreteria USI-S

Mario Verzegnassi

 


 

14.04.2013

Dopo mesi di schermaglie e grandi mobilitazioni cittadine è iniziato al San Raffaele con un assaggio di 40 licenziamenti, 20 sanitari e 20 amministrativi, lo stillicidio giocato sadicamente sulla pelle dei lavoratori e delle loro famiglie. Centinaia sono nel frattempo i licenziamenti striscianti già operati silenziosamente tra i lavoratori e il precariato degli  appalti. Scandalosamente rimosso dalla politica milanese che ha regalato la mostruosa patente di “buona amministrazione” alla giunta di un Formigoni che ha preferito cambiare aria, il crack del San Raffaele ha trovato nei giudici e nell’informazione i perfetti occultatori del mastodontico buco nero da un miliardo e mezzo che ha inghiottito nel corso degli anni le risorse di provenienza pubblica dirottandole negli affari immobiliari in Sud America. Mentre nessuno si cura del recupero di quei patrimoni a pagare sono ovviamente i lavoratori e l’utenza che vede il San Raffaele in fase di continuo ridimensionamento. Ora si apre una partita lunga e difficile che si rivolgerà al sindaco di una sinistra ancora tutta da dimostrare e al governatore con la Lombardia in testa. L’organizzazione di uno sciopero regionale e la mobilitazione cittadina e permanente in appoggio ai lavoratori del San Raffaele - che si riuniranno in assemblea già lunedì - sono tra i primissimi obiettivi del movimento di solidarietà che si oppone ai 244 licenziamenti minacciati da Rotelli e che si ritroverà domani pomeriggio 14 aprile alle ore 18 presso il San Raffaele sotto le insegne del Coordinamento Lavoratori della Sanità Milano.

LA REDAZIONE DE IL PAOLACCIO

 


 

Breve rassegna stampa

 

15.04.2013

San Raffaele, i primi licenziamenti

 

16.04.2013

Proteste e disagi al San Raffaele [galleria fotografica]

San Raffaele, tensione al presidio: incidenti con la polizia, tre contusi [con video]

San Raffaele, Daniela Rottoli: «Sul tetto dopo lettere licenziamento» [video]

San Raffaele, scesi dal tetto i lavoratori che protestano contro i licenziamenti [con video]

Video de Il Fatto Quotidiano


 

condividi
 

Scarica l'app dell'AGENDA ROSSONERA 2017

http://www.agendarossonera.org/

copertina

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe