Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


  DeliverUnion


 

 

logo

 

USI antimilitarista

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home Sanità Ospedale San Carlo B.
Ospedale San Carlo B.
Contaminazione al San Carlo

...ANCHE SE VI CREDETE ASSOLTI SIETE LO STESSO COINVOLTI !!

Il 23 dicembre 2015 la direzione generale dell'ospedale S. Carlo delibera di affidare il servizio di monitoraggio ambientale e biologico dell'esposizione a chemioterapici antiblastici del personale addetto alle attività di preparazione e somministrazione.

Il 13 ottobre 2016 vengono effettuati due monitoraggi: ambientale su suppellettili vari e biologico su 5 infermieri del servizio Day hospital di oncologia.

Non si sa più nulla, nessuna comunicazione da parte della Direzione.

Il 25 gennaio 2017 nei corridoi dell'ospedale si rincorre una voce "i risultati sono arrivati, inoltre sono positivi e li stanno nascondendo". Alle ore 14 l' R.L.S. Santinelli invia una email in cui chiede la relazione contenente i suddetti esami (ambientale e biologico effettuati in data 13 ottobre 2016) facendo capire che si conosceva l'esito, smascherando l'arcano.

Leggi tutto...
 
"Appropriate" ristrutturazioni ...

Dopo il decreto emesso dal ministro della Sanità (Beatrice Lorenzin) definito – nella neolingua orwelliana/renziana – dell'”appropriatezza” ecco la versione lombarda che ne inasprisce modalità e contenuti a discapito degli utenti e degli operatori del servizio sanitario nazionale. In allegato il volantino dell’USI dell’ospedale San Carlo di Milano in risposta ai danni e alle violazioni prodotte dalle pesanti ristrutturazioni in atto nel campo sanitario lombardo.

 

il Giornale: “l’ unificazione (dei due ospedali Carlo e Paolo) servirà ad unire le forze e a migliorare i servizi. Un esempio? “Per specialità come l’angiografia, l’endoscopia digestiva e l’ emodinamica servono equipe disponibili 24 ore su 24. Con il doppio del personale sarà più semplice organizzarle” dichiarazioni rilasciate dal Direttore Generale dott Salmoiraghi il 2 Giugno.

Leggi tutto...
 
Base HEMS al San Carlo?

Apprendiamo dalla delibera n.0001048 del 29/06/2016 che il direttore Generale dott Salmoiraghi ha intenzione di accogliere il trasferimento della base HEMS (Helicopter Emergency Medical Service) della REU attualmente posta all’ aeroporto cittadino di Bresso al nostro ospedale. Questo vuol dire che il povero parco verra’ nuovamente massacrato dopo la devastazione fatta per la costruzione della costosissima elisuperficie (decine e decine di alberi abbattuti e mai sostituiti, 160 mila euro spesi e più 1 milione e 300 mila euro di affitto per 10 anni) in quanto, sarà necessario costruire un HANGAR per il ricovero e la manutenzione dell’ elicottero ed un deposito carburanti.


Sarà quindi un hangar di dimensioni ragguardevoli, circa 50 metri per 25.

Leggi tutto...
 
La sanità non è un bancomat

Mobilitazione all’ospedale San Carlo contro la Riforma della sanità lombarda

 

Già in una comunicazione del Clio – Usis del San Carlo si denunciavano le gravi conseguenze della nuova riforma della sanità lombarda che “prevede un nuovo assetto istituzionale delle aziende ospedaliere e del Asl con accorpamenti e la ridefinizione di confini territoriali…” E si sottolineava “E’ di poche settimane la notizia che il CPS (Centro Psico Sociale) di Corsico, struttura territoriale appartenente al Dipartimento Salute Mentale (DSM) del San Carlo, è stata accorpata all’azienda ospedaliera di Rho-Garbagnate.

Leggi tutto...
 
Legge REGIONALE 11 AGOSTO 2015 N° 23

Ovvero: LA NUOVA RIFORMA DELLA SANITA’ LOMBARDA


La nuova legge regionale sulla Sanità della regione Lombardia prevede un nuovo assetto istituzionale delle Aziende Ospedaliere e delle Asl, con accorpamenti delle strutture e la ridefinizione dei confini territoriali con la conseguente cessione o chiusura di presidi di zona, con il rischio evidente di frammentazione dei servizi stessi.

 

Il silenzio che accompagna questa nuova riforma non lascia sperare nulla di buono ed il rischio per i servizi, i pazienti ed il personale sono elevatissimi.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 4

Scarica l'app dell'AGENDA ROSSONERA 2017

http://www.agendarossonera.org/

copertina

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe