Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


  DeliverUnion

L'immagine può contenere: 1 persona


 

 

logo

 

USI antimilitarista

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home Sanità
Sanità
Devastazione e saccheggio

LA RIFORMA SACCARDI DEVASTERA’ UNA SANITA’ TOSCANA GIA’ SACCHEGGIATA


In Italia, secondo il CENSIS, circa 9 milioni di persone rinunciano a curarsi o a fare analisi, pur avendone bisogno e anche In Toscana il fenomeno è impressionante. I motivi di questa rinuncia di massa alle cure sono di almeno 4 ordine e tipo: – L’impoverimento di fasce sempre più ampie di popolazione rimasta senza lavoro o con lavoro precario.
– Ticket sempre più alti, spesso vicini alla quota che una persona pagherebbe nel privato; in Toscana per fare una normale radiografia si spendono 48 euro che già è una cifra pesante su stipendi sempre più bassi , ma per fare dei normali esami del sangue si può arrivare a spendere anche più di 100 euro. – Le liste d’attesa vergognose; in Toscana sono anni che si parla di riduzione, ma i tempi sono sempre più lunghi in pratica ti fanno fare esami, visite, interventi, come si dice, “a babbo morto”. – L’eccessiva distanza dai luoghi di analisi e cura: è ormai un fattore accertato che disincentiva a fare prevenzione delle malattie e a curarsi; ormai quando si va al CUP a prenotare una visita o altro si riesce ad avere un appuntamento lontano nel tempo, ma spesso anche molto lontano da casa. Questo comporta disagio ma anche costi di trasporto che si vanno ad aggiungere ai ticket.
Come agisce la Riforma Saccardi in questa situazione.

Leggi tutto...
 
Sanità: mobilitazione a Melegnano

Dopo una spaccatura all’interno della r.s.u. dell’ asst Melegnano Martesana riguardante l’atteggiamento da tenere nei confronti della direzione generale sorda sulle problematiche di carenza di organico e difesa delle normali condizioni di lavoro, una parte di essa (compresa U.S.I. sezione ” il pane e le rose“) decideva di convocare un’assemblea dei lavoratori il 20/5 nella quale i lavoratori (giunti in pullman anche dagli altri presidi ospedalieri dell’asst) decidevano di occupare gli uffici di direzione.

Leggi tutto...
 
Presidio a Firenze

Il giorno 31 maggio è stato indetto, a Firenze, un presidio di protesta contro l’utilizzo delle agenzie interinali all'ospedale Careggi.


Presidio al quale ha aderito la sezione locale USI-AIT.


In allegato il volantino di convocazione.

 
Accade a Milano ...

VOLANTINO USI ALL’ISTITUTO “SACRA FAMIGLIA”

 

Lavoratori, ancora una volta, noi dell’USI, non possiamo esimerci dal dirvi quello che di grave sta accadendo nella RSU di questa Fondazione. Non possiamo evitare il tentativo di raccontarci le cose o, peggio, non farlo affatto…per non confermare l’immagine limitata e, anche comoda, di una RSU solo litigiosa. Noi, non amiamo “i confronti aspri”, ma nemmeno possiamo pensare di evitarli quando in gioco ci sono la chiarezza e gli interessi di noi lavoratori. Infatti, in data 5 Maggio 2016 alle ore 11:26, tramite e-mail, noi delegati Claudio Valfrè, Alfonso Ruggiero e Cristina Lanzani, abbiamo inviato a tutta la RSU e alle OO.SS, la richiesta di un’ assemblea generale nella quale illustrarvi nuovi-alternativi e più ragionevoli turnazioni di programmati senza deroga.

Leggi tutto...
 
USISanità Parma

 

Passaggi di fascia delle figure non mediche, una farsa diretta dai sindacati rappresentativi collusi con i governi. Prendiamo atto della protesta che in questi giorni investe l’Ospedale Maggiore di Parma, dopo la pubblicazione delle graduatorie dei passaggi di fascia, ossia la progressione economica, determinata da fattori come l’anzianità di servizio, la quota crediti ECM obbligatori annui, il giudizio delle coordinatrici. Dall’ 1.1.2015 sono venuti meno i vincoli e congelamenti dei trattamenti economici già disposti dall’art. 9 del D.L.vo n. 78/2010, convertito nella Legge n.112/2010, non essendo state ulteriormente prorogate dalla Legge n. 190/2014 (Legge di stabilità 2015).

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 14

Firenze

Milano

Modena

Parma

Reggio Emilia

Santarcangelo di Romagna

Trieste


 

Scarica l'app dell'AGENDA ROSSONERA 2017

http://www.agendarossonera.org/

copertina


 

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe