USI antimilitarista

Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


  

 

logo

 

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home
L’infame stroncatura governativa a Bari

Nella notte compresa tra il 7 e l’8 agosto 1922 i fascisti pugliesi – guidati da Caradonna – con l’aiuto determinante del regio esercito e della marina militare occupano la sede della Camera del Lavoro Sindacale (aderente all’USI) di Bari e arrestano tutti i lavoratori presenti.

Leggi tutto...
 
Chi siamo e cosa vogliamo

Volantino autoprodotto - da USI-AIT La Spezia e territorio - tradotto in lingua russa e rumena.

 

Ci basiamo su principi di libertà e di classe, contro ogni accentramento burocratico e corporativo;
i nemici di noi che viviamo del nostro lavoro sono il politicante, il burocrate, il prete, il padrone;
rifiutiamo la concertazione sindacale perché non difende gli sfruttati;
promuoviamo: l’auto-organizzazione dei lavoratori, per ottenere la difesa e la conquista quotidiana di condizioni di vita migliori;

Leggi tutto...
 
Privatizzare. Di cosa stiamo parlando?

Anche il “Tendola”, asilo comunale di Sarzana, va in gestione a Coopselios di Parma, che ormai svolge l’intero ciclo di assistenza alla persona di competenza comunale.

 

Il tema merita davvero una polemica, oggi, dopo che son passati anni per arrivare a questo risultato?

Leggi tutto...
 
Da La Spezia alla Spagna

La rivoluzione spagnola (1936-1939) cosa ha da dire oggi e per il futuro? Di questo fatto storico, di cui furono protagonisti vari spezzini sindacalisti libertari di Usi- Ait, come Angelo Bruschi e Tintino Rasi di Arcola, discuteremo venerdì 29 luglio a partire dalle 20.30 nella sede di Usi La Spezia e territorio in Via Gramsci 131 a Spezia.

Per parlare di ieri, oggi e soprattutto domani ci troveremo tra marxisti, anarchici, sindacalisti libertari, con tutte le persone che hanno a cuore la giustizia sociale e l’autonomia delle persone, due cardini che orientarono i movimenti di emancipazione in Spagna e non hanno perso niente della loro validità, oggi e per il futuro.

Leggi tutto...
 
1936/2016

Sabato 23 luglio 2016 – Piombino sede storica della Federazione anarchica elbano maremmana di via Pietri 9: A 80 ANNI DALLA RIVOLUZIONE SPAGNOLA INCONTRO SULLA RESISTENZA CON I “NIETOS DEL MAQUIS”E LA RESISTENZA NO TAV organizzato dall’USI-AIT sindacato gemello della CNT spagnola, il sindacato della rivoluzione.

Si comincia al mattino rassettando la sede e preparando il pranzo sociale nel grande stanzone autocostruito dalla gente di mare, sotto i ritratti ingialliti di Gori, Ferrer, Malatesta e Bresci, cui si affiancano i manifesti della seconda 2 giorni dei maquis – Quien matò a Tanque? – conclusasi, con una camminata di lotta da Giaglione (alta Valsusa) al cantiere del TAV (zona militarizzata) la domenica precedente. Si aggiunge anche l’immagine del miliziano ucciso fermata dalla Leika di Robert Capa sul finire della breve estate dell’anarchia il 5 settembre del ‘36, ristampata apposta dalle autoproduzioni Fenix per questi incontri. Nonostante i grandi sforzi della neostoria per non far capire che il protagonista tragico della foto più famosa dell’’900 è un anarchico della CNT Federico Borrel Garcia – Tajno – di Alcoy, ucciso con le armi in pugno.

Leggi tutto...
 
Inadempienti ed incapaci

Ovvero: La vergogna del MIUR.


Dopo numerose posticipazioni relative alla data di pubblicazione dei trasferimenti interprovinciali dei docenti di scuola primaria il MIUR non perde occasione di palesare la sua incompetenza. Il 26 migliaia di docenti hanno atteso invano l'esito dei trasferimenti...nulla si è saputo di ufficiale, solo voci di corridoio ma nel frattempo silenzio più assoluto da parte del MIUR, silenzio più assoluto da parte dei sindacati governativi.


Esprimiamo la nostra totale vicinanza ai tanti docenti rimasti da soli ad attendere gli esiti di una mobilità che non si può certo definire indolore.


Questo avvenimento deve però essere un monito, l'ennesimo. Lavoratori e lavoratrici non deleghiamo a nessuno il nostro futuro, autorganizziamoci!

 

Per la Segreteria USI-AIT Educazione

 

Maria Fortino

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 90

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe