USI antimilitarista

Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


  

 

logo

 

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home
A proposito dell'anno di ... "prova"

Ovvero: Contro le ingiuste esclusioni dall’anno di prova. Solidarietà ai docenti deportati e vessati

 

L’Unione Sindacale Italiana Educazione denuncia la situazione in cui versano molti docenti in tutta Italia, particolarmente nel meridione.

I docenti in questione sono quelli “deportati” dal piano di assunzione di Renzi che ha seminato confusione allo scopo di esasperare ancora di più i lavoratori e le lavoratrici. Molti docenti per sfuggire, almeno per un anno, alla deportazione, hanno inteso differire la presa di servizio nelle lontane sedi attribuite loro da un sistema informatico che agiva su base nazionale, quindi per quest’anno sono rimasti a lavorare nella loro terra con incarico annuale. Molti hanno potuto effettuare l’anno di prova – necessario per confermare il ruolo – alcuni invece che sono stati assunti su un gradi diverso di scuola rispetto a quello in cui avevano la supplenza, non hanno potuto effettuare tale prova.

Leggi tutto...
 
L'unità (sindacale) è un valore aggiunto

Ovvero: PER LA RICOSTRUZIONE DELL’UNITÀ DEL SINDACALISMO CONFLITTUALE

 

Non si può ignorare che il corteo del Primo Maggio che si è svolto a Milano ha sicuramente segnato l’andamento di un processo unitario delle organizzazioni sindacali antagoniste che stava prendendo quota e stava dando importanti risultati. Un processo che aveva avuto un importante segnale di svolta con lo Sciopero Generale del 18 marzo indetto dalla CUB, SI Cobas, USI-AIT, con l’adesione del SGB, la nuova formazione sindacale staccatasi da USB.

L’USI aveva commentato in un suo comunicato successivo: “Uno sciopero organizzato dal basso che, pur in un periodo estremamente difficile e nonostante l’ostracismo dei media, è andato al di là delle nostre stesse aspettative e che ha causato in alcuni settori cruciali – quali scuola e trasporti – notevoli disagi”. E ancora “Adesso è fondamentale proseguire, nella pratica autogestionaria, dando continuità ai risultati conseguiti con lo sciopero generale del 18 marzo, perché, come anche le parole di Renzi confermano (non che avessimo bisogno di ciò) siamo sulla retta via”.

Leggi tutto...
 
Presidio a Milano ...

… davanti agli uffici dell’Ispettorato del Lavoro

Questa mattina, come preannunciato, si è svolto un Presidio di protesta, in via Mauro Macchi n.9/11 a Milano, davanti alla sede dell’Ispettorato del Lavoro (Direzione Territoriale del Lavoro).

 

Il Presidio era indetto dalla sezione USI del San Paolo per protestare, nella Giornata Internazionale dell’Infermiere, il 12 maggio, per denunciare che non c’è nulla da festeggiare quando, per effetto di carenza dell’organico, ridotto all’osso, gli operatori nella sanità sono allo stremo delle forze, sottoposti a turni massacranti.

Leggi tutto...
 
Le INVALSI e la buona sola

In questi ultimi mesi, tra deportazioni di massa spacciate per assunzioni che hanno colpito in prevalenza i docenti quarantenni protagonisti delle passate contestazioni alla buona scuola ma ancora prima alle riforme Gelmini e concorsi Profumo, tra carotine spacciate come bonus per la formazione dei soli docenti di ruolo, tra premi fedeltà (una miseria di denaro che dovrebbe far scattare la lotta fra docenti per avere le grazie del dirigente scolastico) e prospettive funeste per le future pensioni (a 75 anni per chi è nato negli anni ottanta, un modo carino per levarci dal lavoro direttamente con la bara) tra concorsi farsa, numeri su numeri che parlando di lavoro ma non dicono che il lavoro c’era già prima, semplicemente adesso si tende a esasperare i lavoratori, a ridicolizzarli e a togliere loro diritti per renderli più ricattabili e, magari in futuro ancora più facilmente licenziabili.

Leggi tutto...
 
Case sgombrate, teste occupate

Il risultato di tanti tricolori agitati in centro a Spezia, un mese fa, è un gran polverone, ci pare. La polvere si dirada, proviamo a mettere in fila fatti, false informazioni, ruoli. In Via Napoli c’è una casa popolare, quindi di proprietà del comune e gestita da ARTE. E’ assegnata ad un anziano che vive in un’altra città, presso una parente. Nella casa non c’erano allacci alle utenze e le condizioni igieniche lasciavano a desiderare. Un lavoratore precario, in quel momento disoccupato, con sua moglie e tre bambini sono entrati. Non potevano aspettare bandi e graduatorie, avevano bisogno di un’abitazione subito.

Leggi tutto...
 
INVALSI = SCIOPERO GENERALE

INVALSI: prova imposta che si presenta come cavallo di Troia nella scuola che resiste alla devastazione della controriforma balneare di Renzi (legge 107 del luglio 2015). Comandata dal Ministero serve ad individuare le “eccellenze” per premiarle affossando le scuole in difficoltà. Attuazione anticipata della meritocrazia che affliggerà la categoria degli insegnanti con il bonus (precari e ATA sono esclusi) e la scuola pubblica in generale ormai spogliata di ogni risorsa è gettata in pasto a sponsor privati più o meno esigenti.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 88

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe