Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


 

Solidarietà Autogestita

ldc131

 


 

 

logo

 

USI antimilitarista

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Scuola: sciopero nazionale 23 febbraio

Sciopero nazionale del 23 febbraio 2018 nel comparto scuola area docenti, non docenti e dirigenti proclamato dall’USI Educazione c/o USI AIT Milano via Torricelli,10

02 Febbraio 2018

La Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione Pubblica comunica che l’Unione Sindacale Italiana Educazione (sindacato di settore USI-AIT) in acronimo USI-Educazione c/o USI AIT Milano (sede Ticinese) di via Torricelli n. 10, con nota del 29 gennaio 2018, ha comunicato la proclamazione dello sciopero nazionale di tutto il personale del comparto scuola di ogni ordine e grado, a tempo indeterminato e determinato, area docenti, non docenti e dirigenti per l’intera giornata del 23 febbraio 2018.

Leggi tutto...
 
Solidali al popolo Mapuche

SOLIDARIETÀ ALLA POPOLAZIONE MAPUCHE E AL MOVIMENTO ANARCHICO ARGENTINO, PER SANTIAGO MALDONADO E RAFAEL NAHUEL UCCISI DALLO STATO ARGENTINO

Il 1 di agosto nella provincia di Chubut, nella Patagonia argentina, appartenenti alla comunità indigena Mapuche, assieme a solidali, hanno bloccato una strada vicino alla sede locale della Benetton – tra le più importanti nel paese per quanto concerne la proprietà fondiaria – per protestare contro l’acquisizione del territorio Mapuche da parte della grande multinazionale.

Leggi tutto...
 
Contro le servitù militari

                      Per una riconversione da territorio militare a verde pubblico


Nel pomeriggio di domenica 28 gennaio come era stato preannunciato si è svolta una iniziativa di protesta in via Forze Armate ang. via della Rovere a Milano, ai confini con la località di Baggio. Scopo della mobilitazione era la difesa del terreno denominato Piazza d’Armi, un polmone verde di otre 40 ettari, da troppi anni abbandonato, dove la natura ha fatto fiorire spazi alberati, in mezzo al verde, dove moltissime specie animali hanno trovato un proprio habitat.

Leggi tutto...
 
23 febbraio: sciopero nazionale comparto scuola

Con comunicazione formale inoltrata al MIUR in data 29 gennaio USI Educazione ha proclamato - per il 23 febbraio p.v. - lo sciopero nazionale di tutto il personale del comparto scuola di ogni ordine e grado, a tempo indeterminato e determinato, area docenti, non docenti e dirigenti.

Clicca qui per leggere la nota di ricezione MIUR.


Passaparola!

 
Assemblea sulla sanità in Lombardia

Giovedì 1° Febbraio 2018 ore 21.00 ASSEMBLEA PUBBLICA presso

CSOA COX18 – Libreria CALUSCA – Archivio P. MORONI

con Aldo Gazzetti del Forum per il diritto alla salute Lombardia e USI Sanità ospedali S. Carlo e S. Paolo

 

RIFORMA SANITARIA DELLA REGIONE LOMBARDIA

IN QUESTI GIORNI I CITTADINI AFFETTI DA PATOLOGIE CRONICHE (ipertensione, diabete, cardiopatie, tumori, nefropatie ecc .) STANNO RICEVENDO UNA LETTERA DA PARTE DELLA REGIONE LOMBARDIA, CON LA QUALE SARANNO INVITATI AD EFFETTUARE LA SCELTA DI UN “ GESTORE ” CHE AVRÀ IL COMPITO DI PIANIFICARE L’ ASSISTENZA DI CUI NECESSITANO. TALE RIFORMA SARÀ PRESENTATA COME LA SOLUZIONE DI TUTTE LE DIFFICOLTÀ E DISSERVIZI LAMENTATI DAGLI UTENTI, MA LA REALTÀ SARÀ BEN DIVERSA .

Con due delibere, la n. 6164 del 30 gennaio e la n. 6551 del 4 maggio 2017, la Giunta Regionale lombarda, senza nemmeno una discussione in Consiglio Regionale, sta modificando totalmente l’assistenza sanitaria in Lombardia e cancellando alcuni dei pilastri fondativi della legge di riforma sanitaria la n. 833 del ’78, nello specifico quello della medicina generale o di base.

Leggi tutto...
 
PER UN RILANCIO DELL'INIZIATIVA ANTIMILITARISTA

PREMESSE

Le spese militari nel mondo continuano a crescere in maniera significativa. Negli Stati Uniti superano i 600 miliardi di dollari nel 2016, rappresentando il 39% della spesa complessiva mondiale. Crescono anche le vendite di armi interne ai paesi e le esportazioni verso l’estero. Enorme, ma più difficile da censire rispetto ai dati, il traffico illegale di armi vendute in‘nero’, oppure in ‘grigio’, traffico che avviene in forma non ufficiale con coperture fornite dai governi e/o attraverso vari canali trasversali in grado di aggirare le legislature d’origine. È noto che organizzazioni mafiose e camorristiche hanno armato interi eserciti svolgendo ruoli di intermediazione. Le rotte delle armi non seguono logiche ideologiche, ma unicamente seguono il richiamo del profitto. Aumentano anche i conflitti dichiarati o non dichiarati in forma ufficiale: gli eserciti delle grandi e piccole potenze si riarmano e si riorganizzano con nuove tecnologie preparandosi a eventuali conflitti su vasta scala che potrebbero vederli contrapposti frontalmente. La continua rincorsa non interessa esclusivamente i sistemi di tipo tradizionale o avanzato (guerra elettronica, droni, spionaggio) ma sta innescando una nuova proliferazione nucleare a tutti i livelli, in primis tra le grandi potenze, facendo crescere la tensione internazionale.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 134

Scarica l'app dell'AGENDA ROSSONERA 2017

http://www.agendarossonera.org/

copertina

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe