Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


  DeliverUnion


 

 

logo

 

USI antimilitarista

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home
SOLIDARIETA' CON LA LOTTA DEI PRECARI DELLA SCUOLA


Questi lavoratori precari, da sempre utilizzati per mandare avanti la "baracca" della scuola italiana, oggi vengono minacciati di "espulsione" dall'azione del governo, tramite il Ministro Profumo, con l'utilizzo improvviso e generalizzato del "concorso".

Non saranno i lamenti e il ricorso a "strumentali rappresentanze", ma l'impegno delle lavoratrici e lavoratori  autorganizzati, (promuovendo  lotte dirette fino al raggiungimento dei loro obiettivi), a dare soluzione concreta ai loro problemi.

 

Il Segretario nazionale USI - Istruzione-Università-Ricerca

Guido Durante

Leggi tutto...
 
Festa delle Barricate antifasciste

 

XIII edizione


Domenica 9 Settembre 2012


Piazza dell’Annunziata - Parma

 

Leggi tutto...
 
SOLIDARIETÀ AI MINATORI DEL SULCIS

L’Unione Sindacale Italiana esprime piena e concreta solidarietà ai 470 minatori della Carbosulcis che – come estremo atto di protesta e di attenzione sociale – hanno occupato la miniera di carbone e le relative gallerie di accesso di Nuraxi Figus, a Gonnesa, situate a 400 metri di profondità. Questo estremo metodo di lotta sociale - che si inserisce idealmente nel solco di proteste già inaugurato dai minatori asturiani e dai colleghi sudafricani di Marikana - è l’unico possibile considerando la cecità ed il disinteresse fin qui dimostrato dalla politica e dalle forze sociali “responsabili” più impegnate nel chiacchierìccio anti spread e nella formulazione di riforme “a costo zero” piuttosto che sul fronte della tutela dell’occupazione (in assoluta sicurezza sanitaria ed ambientale) e del lavoro. Che prevederebbero, al contrario, l’utilizzo di ingenti risorse finanziarie che il governo preferisce dirottare per supportare banche e capitale.
Alla base della protesta operaia c'è la richiesta al governo di finanziare un progetto di riqualificazione della struttura mineraria, con un progetto integrato miniera-centrale-cattura stoccaggio dell’anidride carbonica nel sottosuolo e la richiesta di un impegno concreto dell'Enel, unico cliente della Carbosulcis per la centrale di Portovesme, ad impegnarsi definitivamente e concretamente nella produzione di energia per le aziende del Sulcis duramente colpite dalla crisi.

Leggi tutto...
 
Solidarietà Autogestita

Martedì 21 agosto all'assemblea della Libera Officina, assieme ai compagni e compagne della bassa modenese, si è deciso di chiudere i punti di distribuzione degli aiuti.

La situazione è in continua evoluzione, molta gente è tornata nelle case, ma se si ripresentassero situazioni di emergenza siamo pronti a ripartire con la distribuzione.
Il terremoto ha colpito pesantemente il nostro movimento, sei tra compagni e compagne sono senza casa e dovranno abbandonare il terreno dove hanno ora le tende, altri vivono ora in tenda su terreni di proprietà ma con l'arrivo della pioggia sarà un problema enorme. La biblioteca anarchica di Carpi è stata per lungo tempo inaccessibile trovandosi in zona rossa e attualmente la sua frequentazione risulta comunque problematica.

Leggi tutto...
 
GUERRA ALLE SPESE MILITARI

Nel momento in cui il governo italiano dei tecnocrati, in rappresentanza della cordata dei Banchieri e dell’Alta Finanza, si appresta ad altri pesanti tagli nel settore della sanità, della scuola, dei servizi sociali, con la cancellazione di altri migliaia di posti di lavoro, la domanda che sorge spontanea è: PERCHE’ NON SI TAGLIANO LE SPESE MILITARI!

Leggi tutto...
 
Con i lavoratori dell’ILVA di Taranto. Contro il ricatto occupazionale

Nei suoi 100 anni di Storia l’unione Sindacale italiana non ha mai strumentalizzato – a fini propri – nessuna lotta operaia e non intende certo iniziare ora.
L’USI però, si è sempre schierata – solidarizzando apertamente – con tutte quelle istanze genuinamente libertarie ed autogestite, provenienti dal basso, che si sono poste come obiettivi l’affermazione concreta di due obiettivi umani inalienabili:
• il diritto soggettivo ad un lavoro dignitoso ed assolto in sicurezza;
• il diritto alla salute.
Per questo esprime vicinanza e solidarietà umana e sociale con quanti non parteciperanno – domani 2 agosto – alla manifestazione “ufficiale” nella quale – oltre alla preannunciata presenza del “gotha” confederale – è già annunciata la presenza di, circa, 5mila operai pro-Ilva mobilitati dalla proprietà.

L’Unione Sindacale italiana solidarizza, invece, con quanti parteciperanno – domani alle ore 8 concentramento nei pressi dell’Arsenale – alla mobilitazione alternativa promossa da un gruppo di lavoratori e cittadini di Taranto che intendono, in questo modo, rivendicare il diritto ad essere parte attiva e consapevole nel processo decisionale che – sull’ILVA – si svilupperà nei prossimi giorni e/o settimane/mesi.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 Succ. > Fine >>

Pagina 110 di 119

Scarica l'app dell'AGENDA ROSSONERA 2017

http://www.agendarossonera.org/

copertina

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe